Archivio enologico

In ogni vino si cela un’anima, che ha bisogno d’amore, di cura e anche di propri piccoli segreti. Uno dei segreti della cantina di Terlano è l’archivio enologico, uno scrigno delle rarità: ricavato a 13 metri di profondità, custodisce circa 100.000 bottiglie di tutte le annate dal 1955 ad oggi, e alcune ancora più vecchie.

 

L’idea venne un giorno all’ex cantiniere Sebastian Stocker - che in segreto cominciò a nascondere 500 bottiglie d’ogni annata per verificare se la sua teoria sulla longevità dei vini di Terlano fosse vera o presunta. Oggi, l’archivio enologico è il tesoro meglio conservato di Terlano. Pur essendo invecchiati in alcuni casi anche più di 50 anni, i vini bianchi che custodisce hanno ancora una freschezza stupefacente, un’acidità raffinata e un aroma assolutamente intatto, apprezzati dagli appassionati, e ricercati dai sommelier dei ristoranti più esclusivi.

Spesso l’archivio enologico è paragonato a una biblioteca storica, poiché ha il compito di conservare le varie annate, ma è anche una collezione enologica creata per consentire degustazioni comparative. Oggi abbiamo la fortuna di poter attingere a questo fondo prezioso per studiare lo sviluppo delle tecniche di vinificazione, e per conoscere sempre meglio le caratteristiche e la natura dei vini.

A proposito, la più antica delle bottiglie di Terlano risale nientemeno che al 1893, e al momento nessuno sa ancora se sarà mai stappata, né per quale occasione ciò potrebbe accadere.